A Mercanteinauto (5-6 ottobre) l’altra vita di BMW, quella dell’elica rossa

Protagoniste dell’ottava edizione di Mercanteinauto le mitiche Bmw a 6 cilindri in linea e una ricercatissima EMW 340 con l’elica rossa. Al via la prima edizione del “Raduno dei 100 km di Parma”, tra itinerari bucolici e la visita alla Dallara Academy. Le emozioni continuano in fiera con il pit-stop Ferrari, iniziativa realizzata dalla Scuderia Ferrari Club di Monticelli Terme.

Cosa si nasconde dietro la carrozzeria scintillante di un’auto d’epoca? Chi l’ha guidata e soprattutto quale la sua storia?

Sta tutta in un’elica rossa quella della EMW 340 protagonista dell’ ottava edizione di Mercanteinauto, la rassegna dedicata agli amanti delle quattro ruote che, alle Fiere di Parma, caratterizzerà il primo week end (5-6 ottobre) di Mercanteinfiera, kermesse internazionale dedicata all’antiquariato, modernariato e collezionismo vintage (5-13 ottobre).

Alla fine della Seconda guerra mondiale, la Germania dovette cedere il controllo del territorio della Turingia all’Unione Sovietica e con essa della città di Eisenach sede storica della produzione automobilistica BMW. Awtowelo la fabbrica tedesco-orientale ad amministrazione-controllata sovietica utilizzò abusivamente il marchio BMW fino al 1952 quando la casa bavarese obbligò i dirigenti della casa di Eisenach a cambiare marchio. Da quel momento le vetture vennero marchiate come EMW (Eisenacher Motoren Werke). Il simbolo, un’elica rossa.

Uno dei rari esemplari censiti nel mondo sarà in mostra al polo fieristico. Il modello fa parte della collezione privata di Claudio Baroni Old Cars Collection come pure le mitiche Bmw a 6 cilindri in linea esposte in fiera al pad.2. Otto esemplari realizzati dalla casa bavarese nel periodo antecedente la Seconda guerra mondiale (1936-1942): BMW 319 Cabriolet, BMW 315 Berlina, BMW 320 Cabriolet, BMW 326 Cabriolet, BMW 326 Berlina, BMW 335 Limusine, BMW 327 Sport Coupè, BMW 321. Ruote da Sogno, il più grande operatore in Europa e USA di auto e moto d’epoca porterà 24 esemplari tra cui una BMW 30 CSL Batmobile e un locomotore del 1900 a vapore.

Nel complesso saranno oltre 500 le “storie” in mostra alle Fiere di Parma: 500 modelli che vanno dalle Lincoln, uno dei marchi del lusso di maggior successo negli USA degli anni ’20 e che racconta la rivalità tra Henry Ford e Hanry Leland, alla Fiat-Balilla simbolo della motorizzazione di massa. E poi Dodge, Alfa Romeo, Mercedes e Bristol solo per citarne alcuni.

Auto d’antan e una strada da vivere, con lentezza. E’ questo invece il binomio proposto dal “Raduno dei 100 Km di Parma”, grande novità del 2019 ma destinata a diventare un appuntamento fisso di Mercantenauto. L’ evento, organizzato in collaborazione con Old Cars Collection e il Club Ruote a Raggi, è in programma nella giornata di sabato 5 ottobre.
Partenza: quartiere fieristico di Parma.
Destinazione: Varano Melegari e gli spazi della Dallara Academy.

Sulla strada del ritorno i partecipanti potranno ammirare altri luoghi simbolo del territorio come Pellegrino Parmense e Salsomaggiore Terme. Gli equipaggi aderenti si ritroveranno poi domenica 6 ottobre in fiera per la consegna del Gadget Commemorativo.

Nella Formula 1, la minima di frazione di secondo può cambiare radicalmente le sorti di una gara. Ai box durante il “pit-stop”, subentra tutta l’esperienza e la bravura dei tecnici. Di mani esperte e veloci in grado di realizzare un cambio gomme addirittura in meno di due secondi.

L’attimo fuggente del pit-stop e il brivido della pista tornano a Mercanteinauto (padiglione 2) grazie ad un’iniziativa realizzata dalla Scuderia Ferrari Club di Monticelli Terme. Dalle 9 all 18, nei due giorni di fiera, i visitatori potranno vivere le emozioni suscitate dal “cambio gomme” e l’esperienza di una “vera gara”, testando il simulatore ufficiale Ferrari. Brivido si, ma in tutta comodità.